DA QUELLE CAPANNUCCE


SCE CÌNDA CALIFÀCIA
Sce cìnda califàcia (1)
màgna ce cceddhunàcia
èvienne to pedì
ce èpeze stin avlì.
Àrte de ssònni (2) ple’
jatì den èchi avlì
ce i màna tu lèghi
«e sse (3) sònno canunì (4)».
«Immo cundannemmèno
na stathò viàta ò
ce den mu mèni àddho
na pào spachò;
esù en cànnese òtu
san ìsso alànza emmèna,
jatì pìghese pu ethèlise
c’egò de ssònno ple’».

DA QUELLE CAPANNUCCE
Da quelle capannucce
belle e piccolette
usciva un bambino
e giocava nello spazio libero.
Ora non può più
perché non c’è spazio libero
e la mamma gli dice
«non ti posso guardare».
«Sono condannato
a stare sempre qui
e non mi resta altro
che andare a crepare;
tu non facevi così
quando eri come me,
perché andavi dove volevi
ed io non posso più».

 

DA QUELLE CAPANNUCCE
Categoria:

Description

La poesia contemporanea di Roghudi e di Bova, Vol. 2, Reggio Calabria, Iiriti Editore,
2005, pp. 132-133

1 califacia: diminuitivo di calìfi.
2 de ssonni = den sonni, il raddoppiamento della consonante iniziale di sonno è dovuto
alla caduta della consonante che precede.
3 e sse = den se, corrosione di sillabe e raddoppiamento iniziale.
4 sonno ccanunì: indicativo presente del verbo sonno

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “DA QUELLE CAPANNUCCE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *