Conterraneo – Memoria Identitaria e Poetica dei Luoghi


Arte urbana, arte relazionale, arte partecipata, arte pubblica come forme innovative di socializzazione, comunicazione e trasmissione di memorie e conoscenze. Nelle varie e articolate declinazioni di Arte Pubblica, il Laboratorio CONTERRANEO si è posto in relazione non solo con il contesto, ma anche con la memoria identitaria della Città di Bova, proponendo interventi site-specific come modalità di riqualificazione in grado di suggerire prospettive inedite di lettura dell’habitat, innovative sia da un punto di vista ambientale che socio-relazionale.

Un modello culturale alternativo che ha dato valore aggiunto alle risorse umane e ambientali esistenti, contribuendo a sviluppare ulteriormente il potenziale culturale a livello territoriale. La costante alla base del progetto è stata l’idea di far dialogare artista e collettività, attraverso la condivisione di un percorso frutto di scambi sociali e culturali non standardizzati, in grado di offrire momenti di riflessione e convivialità, innescando intorno a sé una vera e propria dinamica culturale produttiva.

Azioni artistiche e laboratori creativi hanno così avviato sul territorio grecanico un’operazione incentrata sul metodo relazionale e su quel senso di “abitare poetico” di cui parla Heidegger – un’arte aperta alla collettività, autenticamente pubblica, vale a dire vicina all’essenza delle cose – che ha visto i cittadini della Città di Bova coinvolti in prima persona.

L’esperienza è stata interamente condotta dall’artista Antonio Pujia Veneziano, responsabile del Laboratorio di Arte Pubblica nell’ambito del “Programma di Arte Pubblica nei Borghi e nei Centri Storici dell’Area Grecanica” promosso dal GAL Area Grecanica in collaborazione con ANITI – Impresa Sociale.

 

ConTerraneo - Memoria Identitaria e Poetica dei Luoghi - Volume Completo

Description

Il Libro

Arte urbana, arte relazionale, arte partecipata, arte pubblica come forme innovative di socializzazione, comunicazione e trasmissione di memorie e conoscenze. Nelle varie e articolate declinazioni di Arte Pubblica, il Laboratorio CONTERRANEO si è posto in relazione non solo con il contesto, ma anche con la memoria identitaria della Città di Bova, proponendo interventi site-specific come modalità di riqualificazione in grado di suggerire prospettive inedite di lettura dell’habitat, innovative sia da un punto di vista ambientale che socio-relazionale.

Un modello culturale alternativo che ha dato valore aggiunto alle risorse umane e ambientali esistenti, contribuendo a sviluppare ulteriormente il potenziale culturale a livello territoriale. La costante alla base del progetto è stata l’idea di far dialogare artista e collettività, attraverso la condivisione di un percorso frutto di scambi sociali e culturali non standardizzati, in grado di offrire momenti di riflessione e convivialità, innescando intorno a sé una vera e propria dinamica culturale produttiva.

Azioni artistiche e laboratori creativi hanno così avviato sul territorio grecanico un’operazione incentrata sul metodo relazionale e su quel senso di “abitare poetico” di cui parla Heidegger – un’arte aperta alla collettività, autenticamente pubblica, vale a dire vicina all’essenza delle cose – che ha visto i cittadini della Città di Bova coinvolti in prima persona.

L’esperienza è stata interamente condotta dall’artista Antonio Pujia Veneziano, responsabile del Laboratorio di Arte Pubblica nell’ambito del “Programma di Arte Pubblica nei Borghi e nei Centri Storici dell’Area Grecanica” promosso dal GAL Area Grecanica in collaborazione con ANITI – Impresa Sociale.

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “Conterraneo – Memoria Identitaria e Poetica dei Luoghi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *