BRIVIDI DI GIOIA


ANATRIGHIÀZZOME SCE CHARAPIA
Stin catevasìa ‘sce (1) mia ròcca
evvièthi ena àttho.
Singhemmèni stin cardìamu meni
mia gapisìa ti den echi lòja.
Meni me ti zoì viàta fidìli.
Ciòla i cardìa tu àcharu
glicènete
canunònda spilà èchi fìdi.
Pethènu ta pensèri (2)
sto scotìdi ti nìsta.
Ta ònera mènu
sta sinertìmata ti sìmera
alànza fandònike maghìe.
Fìddha sce àttho petàu sto àero,
o vorèa ta scorpèni làrga
alànza pètuddhe sculuremmène
sto ghìrima tu ìgghiu.
Ma to fitò scerò (3)
rodikemmèno sti ròcca
atthìssi acomì.

BRIVIDI DI GIOIA
Nel pendio di una roccia
è nato un fiore.
Scolpito nel mio cuore resterà
un amore che non ha parole.
Rimane con la vita in fedeltà.
Anche il cuore del malvagio
si addolcirà
e guardando in alto avrà fede.
Muoiono i pensieri
nell’oscurità della notte.
I sogni rimangono
nei ricordi del giorno
come favole magiche.
Petali di fiore volano in cielo,
il vento li disperde lontano
come farfalle sbiadite
al tramonto del sole.
Ma la dura pianta
radicata nella roccia
fiorirà ancora’.

 

BRIVIDI DI GIOIA
Categoria:

Description

FILIPPO VIOLI, I nuovi testi neogreci di Calabria. Antologia della letteratura grecocalabra.
La poesia contemporanea di Roghudi e di Bova, Vol. 2, Reggio Calabria, Iiriti Editore,
2005, pp. 118-119.

1 sce = asce, a Bova azze.
2 ta pensèri: italianismo, sostantivo neutro plurale in -i.
3 scerò: a Bova zzerò.

Recensioni

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Recensisci per primo “BRIVIDI DI GIOIA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *